Racconta il tuo presepe 2015 (6)

RACCONTA IL TUO PRESEPE

Racconta il tuo presepe

Che fascino l’idea di essere parte di un progetto che coinvolge un’intera frazione!  Tante famiglie che messe insieme creano qualcosa di unico e dimostrano che “insieme si può, e tanto!!”
Una piccola rivoluzione di questi tempi.

La sfida è stimolante, le doti artistiche sono quel che sono… come realizzare un presepe nel bosco? Idea! Portando il bosco nel presepe! E quindi ecco che muschio, corteccia, legnetti e licheni diventano capelli, pareti della capanna, una culla, ali d’angelo. E per l’asinello e il bue, come si fa? Ci vuole l’arte messa da parte dalla mamma e mai appresa dalla figlia! L’uncinetto risolve ogni esigenza. Gli occhietti sui visi li disegnano i nipotini, la sorella taglia le vesti e il posizionamento nel bosco è compito del nonno. E’ un lavoro collettivo questo presepe, un risultato tangibile che ci ricorda il piacere di radunarsi attorno a un tavolo e trovare idee, discutere, progettare… divertirci! 
 
Questo è quello che per me e per la mia famiglia è stato il creare un presepe per il bosco di Zanolin. Passeggiando ne vedrete quindi uno un po’ strampalato, forse ”ingenuo”, approssimativo. Ma nasconde tanti sorrisi.

Racconta il tuo presepe 2015 (5)

RACCONTA IL TUO PRESEPE 

Il tutto è nato dalla tradizione del presepe, che qui in montagna tutti sentono da sempre e dalla passione per le passeggiate nel bosco, anche in inverno. Ed è proprio questa attrazione per il bosco che ha spinto ad allestire il presepe, anziché a casa come sempre, per una volta lassù in montagna tra gli alberi. Era l’anno 2011 quando è nato il primo piccolo presepe solitario nel bosco.
L’idea è stata apprezzata e condivisa dalla maggioranza degli abitanti di Zanolin, che si sono sentiti uniti in un gruppo.

Il piacere di allestire un presepe non è soltanto nel momento stesso della collocazione delle statuine, ma inizia già mesi prima nella ricerca del posto giusto. Ad ogni passeggiata uno spunto in più, un desiderio che aumenta, l’immaginazione che cresce.

Mio marito, stufo del ferro per mestiere, l’ha fatto appositamente in legno.Racconta il tuo presepe

Io, sono andata da un collega di mio marito e me ne sono procurata uno in ferro.Racconta il tuo presepe

Perché abbiamo scelto quel posto? Ognuno ha il suo motivo. Chi perché lo vede ideale per il proprio allestimento e lo vuole a tutti i costi e chi è meno selettivo, perché il bosco è bello tutto.

L’augurio è che il gruppo rimanga unito e ogni anno ricco di idee e novità.

 

Racconta il tuo presepe 2015 (4)

RACCONTA IL TUO PRESEPE

Racconta il tuo presepe

Dunque … racconta il tuo presepio partiamo dall’inizio io per quest’anno volevo far qualche cosa di “diverso “spirito natalizio ma senza statuine….pensa pensa e ripensa e si e si e illuminata la lampadina ,volevo fare una cosa che colpisse e che fosse legato a noi come valle , come persone ma sopratutto come”bosco” visto che il nostro percorso e proprio immerso in un bellissimo bosco….nella nostra valle vengono costruiti dei violini fantastici esportati in tutto il mondo e vengono costruiti con il nostro legno…”soprannominato anche oro della val di fiemme”da quel’ idea nel lontano 1818 fu composta una canzone in Austria STILLE NACHT che ormai sia grandi e piccini almeno una volta l’abbiamo cantata questa canzone fu composta per violino con il tempo adattata per altri strumenti allora non vedo perche’ comporre almeno un pezzo di ritornello con gran parte di materiale che ci regala il nostro amato bosco…..chiave di violino di lana,rigo musicale di “coloari” nocciolo,note di “bedol”betulla e di “lares” larice e la scritta fatta con il pirografo.
Noi siamo molto felici di portare avanti questa cosa e speriamo che in molti vengano a vederci…

Racconta il tuo presepe

Racconta il tuo presepe 2015 (3)

RACCONTA IL TUO PRESEPE

Racconta il tuo presepe

L’iniziativa dei presepi nel bosco ha in se tutta la forza delle cose semplici. Fin dal primo anno l’ho sposata con entusiasmo, sia per l’energia degli ideatori sia perchè amo le nostre tradizioni cristiane quando si manifestano nella loro essenza più umile e spirituale, ed in questo caso il passeggiare nel bosco fra presepi in armonia con esso ha qualcosa di sublime ed unico.
Il mio presepe non mi piace solo perchè non ho utilizzato elementi tratti dal bosco come sassi, cortecce, radici. Invece lo amo perchè è un grande quadro su legno dalla cornice dorata che vuole far riflettere.
Rappresenta reinterpretato una parte dell’affresco di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova e racconta il sogno di Giacobbe con l’angelo che gli annuncia che sarà presto padre di Maria Vergine. Inquadro però solo i due pastori che passano e che assistono al miracolo; due pastori che io ho dipinto uno in abiti francescani ed uno orientali mussulmani ma che vuole sottolineare come le figure di Maria e Gesù adorate nelle religioni sia cristiane che islamiche debbano essere da esempio per unire e non dividere gli uomini, modelli di pace e non di morte.

Racconta il tuo presepe

Racconta il tuo presepe 2015 (2)

RACCONTA IL TUO PRESEPE 

Racconta il tuo presepe 2

Volevo realizzare un presepe un pò diverso dal solito e dando nuova vita a qualcosa che potevo avere a casa che non utilizzavo, ma nessuna lampadina mi si voleva accendere! Quando, a pochissimi giorni dall inaugurazione, mi sono ricordata di un vecchio libro ingiallito che avevo conservato per anni in un baule e ho pensato perchè invece di buttarlo non ci provo a fare un presepe?
Con qualche spunto preso da internet mi metto al lavoro, tentar non nuoce, piega che ti ripiega taglia di qua taglia di là e voilà i personaggi prendono forma, un po di colla a caldo e tanto scotch e il gioco è fatto!
Ma mancava ancora qualcosa.. volevo trasmettere quel che è il mio “senso del Natale” a chi lo avrebbe visto… così aggiungo i cuoricini rossi e un cuore grande come se avvolgesse tutti e tre e la scritta: “il vero spirito del Natale alberga nel tuo cuore” tratta da un bellissimo film per bambini che parla proprio del senso del Natale e del credere in esso; non c’era frase più perfetta!!
Trovo in legnaia una cassetta impolverata di legno inutilizzata e decido di posizione il libro all interno per poi poter appendere il presepe nel bosco. Un progetto semplice con materiali semplici e una realizzazione ancor più semplice!
Scegliere il posto “adatto” non è stato così difficile visto che il percorso ricalca la passeggiata che facevo da piccina con il nonno, il ricordo più nitido che ho è quello del “ponticello” di sassi che passava sopra il ruscelletto ora consumato dal tempo.. ma quello era il posto perfetto, dove il sentiero si inoltra nel bosco e dove ogni ricordo torna alla mente.
Presepi nel bosco è alla sua 4° edizione ma fino ad ora mi sono sempre e solo gustata la passeggiata guardando i bellissimi presepi realizzati degli altri. Quest anno ho deciso di partecipare in modo diverso, penso sia magico unire la passeggiata nel bosco con il poter ammirare queste creazioni di chi ha voluto spendere del tempo per gli altri: chi usando la fantasia, chi le propri doti artistiche, chi un allestimento particolare ma ognuno ha la sua storia e il suo perchè ed è proprio questo che li rende speciali e unici! Questa iniziativa da molto a chi viene a trovarci ma sopratutto agli organizzatori… pensare, progettare, realizzare insieme è un piacere quando il gruppo è affiatato e quando si riesce a trasmettere qualcosa di speciale a chi passa a trovarci è una gran soddisfazione!

Racconta il tuo presepe